Oltre 40 anni di esperienza al tuo servizio.AFFITTO CON RISCATTO

Presentazione

L'AFFITTO CON RISCATTO è un sistema di pagamento ideato per entrare subito nell’abitazione scelta, dapprima in locazione(AFFITTO) e successivamente con la formula della piena proprietà(RISCATTO). Il processo di acquisto si conclude in tre anni, il prezzo è pattuito e bloccato da subito.

AFFITTO CON RISCATTO è:

Dimostrazione:

L’utilizzo di questo metodo di pagamento comporta la creazione di uno “storico creditizio”, allo scopo di ottenere migliori condizioni economiche per un eventuale accensione del mutuo, in tema di costi, tassi e importo erogato.

Accantonamento:

Nella versione standard è previsto l’accantonamento in conto acquisto dei canoni di affitto secondo la seguente modalità:

-  1° anno il 50% del canone pagato.

-  2° anno il 50% del canone pagato.

-  3° anno il 50% del canone pagato.

 

Opportunità:

La posticipazione e la diminuzione di tutti i costi e le imposte relative al mutuo, il risparmio è davvero evidente e dimostrabile con un semplice calcolo. La posticipazione delle spese notarili.

Semplicità:

Durante la formula di pagamento in corso, se dovessero mutare le proprie esigenze, si può vendere l'immobile ad un terzo soggetto con la semplice cessione della propria contrattualistica, evitando così tutti i costi del rogito ed ottenendo magari anche un piccolo guadagno!

Flessibilità:

L’AFFITTO CON RISCATTO si presta a risolvere anche un'altra problematica assai diffusa, quella di chi per acquistare una nuova casa deve prima venderne un’altra. La nuova casa abitabile da subito permette la liberazione di quella usata, disponibile per la vendita. La liquidità ottenuta sarà utile per l’acquisto della nuova casa.

AFFITTO CON RISCATTO - come funziona:

Dal punto di vista contrattuale, è una modalità di compravendita, il futuro proprietario entra subito nella casa che ha scelto di acquistare versando al venditore un acconto che solitamente ammonta circa al 10-15% del prezzo di compravendita, da intendersi pattuito oggi e bloccato per 3 anni;
durante i tre anni il futuro proprietario versa poi mensilmente al venditore un importo equivalente ad un normale affitto, il quale viene accantonato in conto acquisto secondo la ripartizione annuale stabilita. Al momento del rogito resterà così da saldare, con un mutuo piuttosto che con un altro metodo liberamente scelto dall’acquirente, il restante del prezzo di acquisto concordato.

Esempio su un importo di 300.000,00 euro - Affitto normale annuale 1000 euro:

Prezzo pattuito (bloccato per 3 anni) ........................300.000Euro

Acconto iniziale (12%) ...............................................36.000 Euro

Versamento mensile .....................................................1.000 Euro

Accantonamento affitto:

1° anno 50% 6.000 Euro
2° anno 50% 6.000 Euro
3° anno 50% 6.000 Euro

 

Totale accantonamento al termine dei tre anni : 18.000,00 Euro - 6% del totale

Acconto iniziale: 36.000,00 Euro - 12% del totale

Totale accantonamento allafine dei tre anni: 54.000,00 Euro-18% del totale

Importo da saldare al rogito: 246.000,00 Euro-82% del totale